Lussemburgo
Ucraina
Lapponia

Galleria Fotografia

Incredibilmente fiori
In primavera Ŕ sbocciato un camppo di fiori rossi che fa di questo paesaggio uno spettacolo ancora p...
Un accampamento
... ai piedi di un monte erboso...

Le trib¨ della Steppa

Gengis Khan
Storia di Gengis Khan...
CiviltÓ proto bulgarica,della grande Bulgaria
La civiltÓ proto bulgarica...

Fauna

Le lepri grigie
La lepre della steppa...
Le zebre della steppa
Le zebre della steppa...


CiviltÓ proto bulgarica,della grande Bulgaria



NOTE SULLA CIVILT└ PROTO-BULGARA DELLA GRANDE BULGARIA

Un fastidioso luogo comune vuole i Turchi delle steppe privi di tecniche di costruzione avanzate. Questo clichÚ Ŕ stato distrutto dalle scoperte archeologiche di scuola sovietica che hanno dimostrato come Sarkel, Tamartakha e Fanagoria fossero in realtÓ dei centri urbani di notevole entitÓ.

I Bulgari esercitavano le attivitÓ economiche tipiche dei popoli della steppa, ovvero la pastorizia e l'allevamento, in special modo dei grandi animali. Questo rapporto particolare con il cavallo dava loro la possibilitÓ di avere una temibile cavalleria. Un'altra attivitÓ molto praticata era la razzia e il commercio degli schiavi, da qui la necessitÓ di espansione verso le terre abitate dagli Slavi.

La loro divinitÓ principale era Tanr´, il Dio-Cielo, tipico dei popoli della steppa. Tanr´ Ŕ eterno, celeste, elevato, potente, creatore o meno, dato che l'"Universo si Ŕ formato". Vi erano poi una infinitÓ di divinitÓ secondarie, alcune emanazione di Tanri (come Ob-Tanr´, il Dio-Tempo) ed altre originali. I Bulgari aderivano al complesso di credenze pratiche noto come sciamanesimo, che molte tracce ha lasciato nel folklore bulgaro odierno, in parte frammisto alle credenze slave. Praticavano il sacrificio del cane, animale che faceva da congiunzione tra il mondo dei vivi e l'altro.

Gli animali nella societÓ turca arcaica detenevano un ruolo non trascurabile. Oltre a contrassegnare molto spesso lĺantenato eponimo di una determinata gens servivano per scandire il tempo. Anche tra i Bulgari dei Balcani (diretti discendenti dei Bulgari della Grande Bulgaria) troviamo lĺuso del calendario dei Dodici Animali, preso in prestito dalla Cina. La pi¨ antica attestazione di questo calendario Ŕ del 584 d.C. e risale ai TŘrŘk occidentali. Tramite gli Avari raggiungerÓ lĺoriente europeo e verrÓ utilizzato dai Bulgari (che ne lasceranno testimonianza) a partire dal VII secolo. Si fonda su di un ciclo di dodici animali secondo il quale ogni anno, ogni mese, ogni giorno sono posti sotto il segno di un animale differente:


Nome italiano Nome turco Mese
Topo S´cgan, kŘskŘ Dicembre
Bue Ud Gennaio
Tigre Bars, pars Febbraio
Lepre Taw´shgan Marzo
Drago Luu Aprile
Serpente Y´lan Maggio
Cavallo Yont (at) Giugno
Montone Koyn Luglio
Scimmia Bišin Agosto
Gallo (pollo) Takiku (tavuk) Settembre
Cane It (k÷pek) Ottobre
Maiale Lagz´n Novembre

go back



Racconti di viaggio

In viaggio nella steppa [1]
di Giuseppe Pompili...
In viaggio nella steppa [2]
di Giuseppe Pompili...

Mar Rosso

La steppa nella letteratura

Il lupo della steppa
Uno dei libri di maggior successo di Hesse. Con un commento personale. ...
Canto Notturno di un Pastore errante dell'Asia
di Leopardi...

 

iscriviti alla mailing list

la tua email

subscribe unsubscribe